closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Marawi città fantasma. Un anno dopo la «battaglia», il dramma dei profughi

Filippine. Prosegue la guerra di Duterte ai jihadisti del «Maute». Nel principale centro musulmano del paese palazzi, moschee e viali sventrati durante cinque mesi di assedio durissimo. Prolungato lo stato d’emergenza

Una residente di Marawi e quel che resta della sua casa

Una residente di Marawi e quel che resta della sua casa

Nella giornata di ieri la comunità internazionale ha ricordato il primo anniversario della cosiddetta «battaglia di Marawi», cinque mesi di assedio che si sono conclusi lo scorso 25 ottobre con la liberazione della più grande città musulmana delle Filippine, catturata da centinaia di terroristi islamici del sudest asiatico che avevano giurato fedeltà allo Stato islamico. NEI MESI DI SCONTRO A FUOCO centinaia di migliaia di persone hanno cercato rifugio nei territori circostanti Marawi, riversandosi in campi profughi approntati in tutta la regione di Lanao del Norte, nell’arcipelago del Mindanao filippino. Le autorità filippine, nelle dichiarazioni di rito rilasciate alla stampa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi