closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Mappatura sentimentale intorno al mondo

Mostre. «AZ - Arturo Zavattini fotografo»: al Museo delle arti e tradizioni popolari di Roma, fino al 28 marzo molti scatti inediti del decennio cha va dagli anni Cinquanta ai Sessanta

Occupa un posto eccentrico Arturo Zavattini nella storia della fotografia. In realtà, se volessimo provare a sfogliare un album che racchiuda la sua produzione, se volessimo estrapolare un esprit dalle sue immagini, rimarremmo sconcertati. Perché il viaggio visivo a cui invita Zavattini, schivo figlio di Cesare che proprio al padre deve la sua passione per l’immagine non solo cinematografica (fu lui a regalargli la prima macchina fotografica), procede a zig zag, invertendo spesso la marcia: affonda sì nei luoghi con un tuffo immersivo, ma lascia anche improvvisi spazi liberi per riempire quella «geografia» che scorre davanti agli occhi. Così, dalla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi