closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mani libere su clima e petrolio: gli Usa «cannoneggiano» il summit

Vertice G7 Energia a Roma. Il ministro Calenda conferma i piani per i gasdotti Tap e Eastmed e oggi vedrà il Segretario Rick Perry

Si è chiuso ieri a Roma il primo G7 Energia dell’era Tump, che resterà alla storia per essere il primo a terminare senza una dichiarazione congiunta dei rappresentanti delle sette economie più energivore del mondo. Il dato è indicativo proprio in considerazione del valore semi rituale e farisaico di queste dichiarazioni congiunte finali, che spesso si limitano a ricordare un comune impegno delle sette potenze a difendere la stabilità del mercato degli idrocarburi. Il ministro ospite, titolare del dicastero dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, in conferenza stampa, ha dovuto specificare come «con l’amministrazione Usa c’è stato un dibattito molto costruttivo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi