closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Visioni

Mandragola «politicamente» corretta

A teatro. L'opera di Machiavelli riletta nell'allestimento di Giacomo Giuntini

Una scena da «La Mandragola»

Una scena da «La Mandragola»

La moda boccaccesca che nell’immaginario popolare investe di frizzi e lazzi la Mandragola di Machiavelli, sfuma in una lettura più consapevole (politicamente coeva alla stesura del Principe) nell’allestimento di Giacomo Giuntini per il Teatro Due. Con che occhio guardare gli intrighi di Callimaco? La prospettiva di Giuntini è rinascimentale: si affaccia dalle finestre dei palazzi, spiaggiate sulla scena come labirinti celibi, e innesta un «concertar parlando» che, musicalissima eco, rivela l’antico fascino del testo machiavellico. Scelta felice che esalta i contributi attoriali (coralità, ritmo, simmetrie), cancella ogni naturalismo e trasferisce sull’arena del rituale carnevalesco e l’opulenta trama. Che si specchia nella iconica postura dei coniugi Arnolfini di van Eyck come entroterra di una borghesia in stato di grazia e benessere rampante. Nel 1498 fra’ Savonarola finiva sul rogo. In piazza della Signoria, spettatore ventenne, c’era anche Machiavelli. Che nel Principe lo avrebbe definito «profeta disarmato». L’esperienza popolare della Repubblica fiorentina continua a covare fra le pagine della Mandragola. Bene ha fatto Giuntini a rievocarla.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna