closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mandato d’arresto per il voto nero in America

Stati Uniti. La nuova legge elettorale della Georgia, dove persiste il mito trumpiano del "vote fraud", è l'emblema dell’assalto ai diritti partito negli Usa. I repubblicani reagiscono all’alta affluenza, che in alcuni stati è costata loro la sconfitta. Galera se disseti chi sta in coda, meno voto postale e pioggia di ulteriori restrizioni all'esame dei vari parlamenti statali

Atlanta, protesta contro le leggi SB 241 and HB 531 che alterano le regole del processo elettorale in Georgia

Atlanta, protesta contro le leggi SB 241 and HB 531 che alterano le regole del processo elettorale in Georgia

L'assalto è partito un giovedì di fine marzo in Georgia. Nell'ufficio del governatore repubblicano Brian Kemp c'erano lui stesso e sei deputati statali, tutti bianchi, sul muro un dipinto a olio della Piantagione Callaway (il candido colonnato, non gli schiavi piegati sul cotone), sul tavolo una penna e la nuova legge elettorale dello stato della Georgia. Fuori dall'ufficio una deputata nera, Park Cannon, che bussava con discrezione ma con insistenza per poter entrare. LA DEPUTATA CANNON è stata arrestata. La nuova legge è stata firmata. Tra le sue norme ce n'è una che spiega tutto: sarà reato portare acqua agli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi