closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Manca un anno, ma in Francia sulla sicurezza è già campagna elettorale

Dopo l'ultimo attentato il 23 aprile. La connessione immigrazione-terrorismo, un tempo operata dall’estrema destra, ormai è diventata argomento della destra classica

La Francia è in campagna elettorale. Tra un anno ci sono le presidenziali e questo giugno, il 20 e 27, le regionali e dipartimentali. L’ultimo attentato a Rambouillet, il 23 aprile, dove un’impiegata del commissariato locale è stata sgozzata da un tunisino radicalizzato, è stato subito strumentalizzato dalle destre, con attacchi al “lassismo” del governo e dell’amministrazione, che avrebbe concesso un permesso di soggiorno a uno straniero, che dopo essere entrato illegalmente in Francia vi ha vissuto dieci anni da sans papiers. La connessione immigrazione-terrorismo, un tempo operata dall’estrema destra, ormai è diventata argomento della destra classica, il parallelo è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi