closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Maliki si affida raid aerei Usa. Le mani dei qaedisti sul petrolio

Iraq. Baghdad ha richiesto ufficialmente a Barack Obama di ordinare all'aviazione attacchi ai miliziani dello Stato Islamico in Iraq e nel Levante. I qaedisti nel frattempo avanzano. Ieri si sono impadroniti di una parte delle raffinerie di petrolio di Baiji.

Le raffinerie di petrolio di Baiji

Le raffinerie di petrolio di Baiji

Le bombe americane presto torneranno a cadere sull’Iraq, se Washington accoglierà la richiesta ufficiale comunicata ieri dal ministro degli esteri Hoshyar Zebari di compiere raid aerei contro i miliziani qaedisti. E’ la conferma della grande fatica che le forze governative irachene fanno a contenere l’avanzata verso Baghdad dei combattenti dello Stato Islamico in Iraq e nel Levante e dei gruppi sunniti alleati, a cominciare dagli ex baathisti alla ricerca di una clamorosa rivincita 11 anni dopo l’invasione anglo americana del paese e l’impiccagione nel 2006 di Saddam Hussein. Un quadro reale e ben diverso da quello descritto ieri in tv...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi