closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Biblioteca nazionale di Roma, mail e reclami nel cestino. Il direttore è irraggiungibile

Il caso. Alessio Ponzio, ricercatore in una università Usa, racconta le sue disavventure da utente: riproduzioni costosissime, macchine per i microfilm rotte e l'impossibilità di comunicare con i dirigenti

La Biblioteca nazionale di Roma

La Biblioteca nazionale di Roma

Abbiamo cercato per tre giorni di parlare con la direzione o la vicedirezione della Biblioteca nazionale di Roma, in modo da poter avere la loro voce in merito alle denunce dei «volontari» retribuiti a scontrino. Nulla, non abbiamo trovato nessuno che ci rilasciasse una dichiarazione. E non è andata meglio ad Alessio Ponzio, ricercatore di Storia e Women studies alla University of Michigan (Usa), che scrive da sette mesi alla Direzione senza aver mai ricevuto risposta. Ponzio sta svolgendo il suo quarto anno di Phd in Italia, per una ricerca finalizzata alla tesi di dottorato, e si è quindi rivolto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi