closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

«Maidan», la rivoluzione è immagine «a distanza»

Ucraina. Il film del regista Sergei Loznitsa, passato fuori concorso a Cannes

Una scena del film

Una scena del film "Maidan" di Sergei Loznitsa

Sergei Loznitsa ha quarantanove anni, è nato in Bielorussia, cresciuto a Kiev, e dal 2001 abita con la moglie e le due figlie in Germania. Il paese d’origine, e i luoghi in cui è cresciuto sono però i riferimenti costanti dei suoi film nei quali, e specie in quello d’esordio, My Joy (2010), la «confusione» tra i generi è cifra poetica e di stile. Quella di Loznitsa è anche la generazione venuta al mondo nell’Unione sovietica, che ne ha vissuto la fine attraversando poi le rivendicazioni e i conflitti nazionali, i passaggi politici, i nuovi assetti neoliberisti, le spartizioni di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.