closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Napolitano depone: «Mai saputo di accordi»

Stato-mafia. Napolitano risponde ai pm. «Gli attentati un ricatto di Cosa nostra»

Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

La parola trattativa non è mai stata pronunciata, ma per Giorgio Napolitano è chiaro che gli attentati mafiosi dei primi anni 90 rappresentarono un «aut aut» di Cosa nostra allo Stato: o si allentava la pressione antimafia, oppure le stragi sarebbero continuate con lo scopo di destabilizzare le istituzioni. «Un ricatto», lo ha definito il capo dello Stato che ha però negato di sapere a cose si riferisse il suo consigliere giuridico Loris D’Ambrosio quando parlò di «indicibili accordi». A riferire le parole del presidente della Repubblica è stato ieri il pm Nino De Matteo al termine della testimonianza resa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.