closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

«Mai più nuove Embraco: ora serve una legge»

L'appello. I dipendenti della multinazionale degli elettrodomestici scrivono una lettera aperta a Di Maio e Salvini: bisogna responsabilizzare le imprese e prevenire le delocalizzazioni

*** Siamo le lavoratrici e i lavoratori della Embraco di Riva presso Chieri (Torino) protagonisti, nostro malgrado, in questi mesi della lotta per la difesa del lavoro in Italia. Ci avete conosciuto, ci siamo incontrati, ci avete sostenuto nei momenti più difficili e di questo ve ne siamo grati. Molti di noi hanno votato per le vostre forze politiche alle elezioni del 4 marzo 2018. Noi vorremmo che non si ripetessero più altri casi come il nostro: dove una azienda multinazionale, dopo avere preso tutto quello che c’era da prendere sul territorio, decide di andarsene e licenziare tutte le lavoratrici e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi