closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mai così indebitata. È sciopero generale contro Macrì e Fmi

Argentina. Il Paese dice no all’austerità imposta dal governo per pagare il nuovo prestito di 50 miliardi di dollari del Fondo monetario internazionale. Pensioni e servizi tagliati. La finanza vola, crollano salari e occupazione, l’inflazione al 40%

Lo sciopero nazionale degli insegnanti argentini, lo scorso 13 settembre a Buenos Aires

Lo sciopero nazionale degli insegnanti argentini, lo scorso 13 settembre a Buenos Aires

Oggi l’Argentina si ferma per uno sciopero generale contro l’accordo con il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) e contro le politiche di austerità, uno sciopero che sarà di di 36 ore, iniziato ieri a mezzogiorno che si annuncia imponente. Il costo sociale del ritorno alle politiche neoliberiste volute dal governo di Mauricio Macri (o meglio Maurizio Macrì, per la sua origine calabrese) provocano continue manifestazioni e proteste. Il clima contro il governo va pari passo con gli insuccessi in ambito economico. L’Argentina sembra costretta a ripetere la propria storia, la conferma che il neoliberismo da quelle parti non attecchisce e provoca...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.