closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«Mai come allora, fu uno spartiacque»

Intervista. Il climatologo Luca Mercalli: l’estate di 15 anni fa ha segnato una svolta climatica nel Mediterraneo

L'estate del 2003? «Da un punto di vista climatico è una svolta, è un unicum nel panorama climatologico storico. Sulla pianura padana abbiamo circa due secoli e mezzo di dati precisi, e quei mesi spiccano come elemento fuori da ogni contesto», spiega al manifesto Luca Mercalli, climatologo, divulgatore scientifico, volto tv, presidente della Società Meteorologica Italiana, associazione nazionale fondata nel 1865. Quindici anni dopo, alla vigilia del solstizio d’estate (21 giugno), ha senso riportare alla mente del lettore ciò che accadde? Sì, perché quella del 2003 rimane l’estate più calda della storia. Per quanto riguarda l’Italia, è anche la prima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.