closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Mafia capitale, demolite le tesi della procura di Roma

Corruzione e politica. I politici capitolini si facevano corrompere senza nessun bisogno di minacce. L’esito del processo inciderà sul sofferto caso del codice antimafia in discussione in Parlamento

Le gabbie dell’aula bunker

Le gabbie dell’aula bunker

La sentenza è un colpo tremendo per la procura di Roma, che vede cedere l’intero impianto accusatorio. «Questa sentenza in parte ci dà torto», ammette il procuratore Paolo Ielo, annunciando il probabile ricorso in appello. Più che le parole sono i volti scuri dei rappresentanti dell’accusa e quelli raggianti dei difensori a chiarire il senso della sentenza, nonostante le condanne molto alte. «È una pietra miliare - dichiara Salvatore Diddi, legale di Buzzi - ora so che Buzzi non è un mafioso e neppure Carminati», prosegue. «Questa sentenza è un modo serio e consapevole di ricordare Borsellino. La mafia è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.