closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Maduro non ha rivali, ma l’astensione peserà

Elezioni in Venezuela. Opposizione mai così screditata e debole, ha chiesto per mesi le urne e oggi le boicotta. L’attenzione è puntata sul livello di partecipazione che risulterà decisivo per misurare la legittimità del processo elettorale

Caracas, Nicolas Maduro chiude la campagna elettorale

Caracas, Nicolas Maduro chiude la campagna elettorale

Il conto alla rovescia è finito: oggi, per il popolo venezuelano, è il giorno delle elezioni più commentate, discusse e avversate (dagli Stati uniti, dai loro vassalli del Gruppo di Lima, dall’Unione Europea) nella storia recente dell’America Latina. Ma anche, di contro, energicamente difese dai movimenti popolari di tutto il continente e non solo e dai governi amici dell’Alba, della Russia e della Cina. Data quasi per scontata la vittoria di Maduro - che dovrebbe superare con ampio margine il suo principale avversario, l’ex governatore dello Stato di Lara Henri Falcón - l’attenzione è puntata sul livello di partecipazione, che,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi