closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Madiano Marcheti, la «crisi dell’empatia» nel Brasile di oggi

Rotterdam 50. Parla il regista di «Madalena», in concorso al Festival. La persecuzione della comunità transgender, le dinamiche del potere, l’espansione devastante della «frontiera agricola»

I In concorso al Festival di Rotterdam con Madalena, il suo film d’esordio, Madiano Marcheti è nato e cresciuto nello stato brasiliano (Mato Grosso) in cui è ambientato il suo lavoro, dove negli sterminati campi di soia che circondano una piccola cittadina viene ritrovato il cadavere della donna transessuale che dà il titolo al film: Madalena. La sua scomparsa e la sua morte vengono viste attraverso la prospettiva di persone diverse, senza rapporti tra loro: la collega Claudia - che come spiega Marcheti reagisce «con apatia» al fatto che Madalena non si trova più da nessuna parte -, il rampollo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.