closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Made in China 2025 e l’Italia, intervista a Giuliano Noci

Pechino/Roma. I cinesi hanno bisogno di partner per diluire quel percepito di potenza imperiale colonizzatrice

Mentre i negoziati commerciali procedono a singhiozzo, tra gli analisti permane la convinzione che una tregua tariffaria non basterà a sopire le rivalità tra Washington e Pechino. Il motivo è riassumibile nella sigla "Made in China 2025", il megaprogetto lanciato nel 2015 dal ministero dell'Industria e dell'Information Technology (Miit) con il contributo di 150 esperti della China Academy of Engineering. L'iniziativa trae ispirazione da Industry 4.0, il piano adottato otto anni fa dalla Germania per integrare la tecnologia IT alla produzione, ma nasconde aspirazione ben maggiori. Innanzitutto, quella di avviare una trasformazione industriale basata sull'innovazione e le nuove tecnologie capace...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.