closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Macron, l’uomo della provvidenza, prende tutto. Ma governerà nel vuoto

Francia. Come nella tradizione bonapartista, il neo presidente ottiene una maggioranza schiacciante in Parlamento. Ma a votare i suoi candidati, neppure un francese su cinque

Emmanuel Macron ottiene 306 seggi, gli alleati di François Bayrou 42, una solida maggioranza assoluta all’Assemblea nazionale: i francesi che hanno votato (pochi, il 42%) gli consegnano tutti i poteri, nella tradizione di affidarsi all’Uomo della provvidenza. Macron oggi come Mitterrand nel 1981, de Gaulle nel 1958 e nel 1940, Clemenceau nel 1917, in una tradizione bonapartista che apparentemente nulla può rompere. Era previsto: il sistema politico creato dalla Costituzione del 1958 ruota attorno alle elezioni presidenziali e non è mai successo che il voto per il parlamento subito dopo un’elezione presidenziale negasse una maggioranza al nuovo capo dello Stato....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.