closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Macron-Merkel uniti sull’Iran, divisi dal debito

Europa. Premio Carlomagno a Macron. Discorso molto battagliero del presidente francese a favore dell'approfondimento della zona euro, "svegliatevi, la Francia è cambiata" e la Germania deve abbandonare "il feticismo perpetuo per gli eccedenti di bilancio e commerciali". Unità sulla difesa: per Merkel, l'Europa non può' più contare sugli Usa per "essere protetta".

Il presidente francese Macron con la cancelliera tedesca Merkel

Il presidente francese Macron con la cancelliera tedesca Merkel

Patti chiari, di fronte ai rischi di guerra in Medio Oriente e alla necessità di rilanciare l’approfondimento della costruzione europea. Emmanuel Macron, a Aquisgrana per ricevere il premio Carlomagno, ha parlato cash a Angela Merkel: «Svegliatevi, la Francia è cambiata», è sulla strada del riassorbimento del debito pubblico, ma «in Germania non ci può più essere un feticismo perpetuo per le eccedenze di bilancio e commerciali, perché sono fatti a spese di altri». NEL PUBBLICO, l’ex leader Spd Martin Schulz ha approvato, alzando il pollice. Merkel ha ammesso: «Abbiamo discussioni difficili». Ma Francia e Germania preparano assieme proposte di riforma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.