closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Macron: «In Algeria la Francia ha torturato e ucciso»

Francia . Il presidente incontra la vedova del matematico Maurice Audin, comunista e anticolonialista, torturato e ucciso nel '57 a Algeri. La responsabilità dei militari. È la prima volta che c'è un riconoscimento storico della tortura nella guerra d'indipendenza d'Algeria

Maurice Audin

Maurice Audin

La Francia riconosce per la prima volta la «responsabilità dello stato» nei casi di morte e tortura durante la guerra d’Algeria. Ieri, Emmanuel Macron ha incontrato la vedova del matematico Maurice Audin, comunista, militante anticolonialista, ucciso a 25 anni nel ’57 in Algeria e di cui non è mai stato ritrovato il corpo. Macron ha parlato di «sistema legalmente istituito di arresto-imprigionamento», affidato «in via legale» all’esercito, da un voto del Parlamento  che aveva dato poteri speciali all’esercito nel ‘56. «Era ora che la nazione facesse un lavoro di verità» ha detto Macron riconoscendo «in nome della Repubblica francese che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.