closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Macri, appena eletto, scatenato neoliberal

Argentina. Piano di misure antipopolari del padrone-presidente: 29 decreti d’urgenza, quanti quelli della Kirchner in 8 anni. Sotto attacco le Madri di Plaza de Mayo. Per finanziare banche, favorire le grandi imprese e distruggere il potere d’acquisto dei lavoratori

Il nuovo presidente argentino Macri

Il nuovo presidente argentino Macri

Argentina in piazza contro il ritorno delle destre. A una settimana dalla vittoria su Daniel Scioli per un pugno di voti, l’imprenditore Mauricio Macri ha dato avvio a un piano di misure neoliberiste suscitando un’ondata di proteste. Già nelle sue prime 72 ore di gestione, Macri ha firmato 29 Decreti di necessità e urgenza (Dnu): il totale di quelli emessi dalla ex presidente Cristina Kirchner nei suoi otto anni di mandato. Misure per distruggere il mercato cambiario, finanziare le banche, spianare la strada alle grandi imprese e distruggere il potere d’acquisto dei lavoratori. Macri ha abolito per decreto le restrizioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi