closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Il “renzismo” non basta a tenere uniti i socialisti europei

Il voto per la presidenza della Commissione . Fronte diviso su Juncker: contro francesi, spagnoli e inglesi. E più in generale, il Parlamento di Strasburgo ha ancora poteri troppo limitati rispetto ai capi di governo

 Il neosegretario del Psoe (i socialisti spagnoli), Pedro Sánchez

Il neosegretario del Psoe (i socialisti spagnoli), Pedro Sánchez

Per il capogruppo degli eurosocialisti, il democratico Gianni Pittella, la giornata di ieri ha rappresentato «l’avvento della democrazia parlamentare nell’Unione europea». Un momento storico, dunque. Peccato sia una clamorosa esagerazione: se è indubbiamente un passo in avanti il fatto che Jean-Claude Juncker sia diventato presidente della Commissione in virtù di un’indicazione del Consiglio dei capi di governo «tenuto conto delle elezioni» (come recita il Trattato Ue), siamo ancora ben lontani da una vera democrazia nella Ue. Limitandosi al piano puramente formale, le «anomalie» sono molte: i commissari sono indicati dai governi nazionali (e quindi anche gli «anti-Juncker» di destra David...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi