closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Lynch, Polonia mon amour

La mostra. Un rapporto di lunga data, una questione di affinità elettive quello del regista con il paese: una mostra a Torun, centro storico patrimonio dell'Unesco, ha esposto quattrocento sue opere

 fishermans-dream-with-steam-iron-2012

fishermans-dream-with-steam-iron-2012

Il rapporto di David Lynch con la Polonia è la storia di un amore magnetico e ricambiato nel corso del tempo. E come se il regista americano si fosse ritrovato in un triangolo della Bermude sulla terra ferma in quel paese che aveva visitato per la prima volta nel 2002 a Lodz su invito di Marek Zydowicz, fondatore del festival cinematografico Camerimage. Un triangolo di cui gli altri due vertici sulla mappa sono i centri di Bydgoszcz e Torun che si trovano nel cuore della Pomerania. Ma è dapprima nella città, conosciuta nel mondo per la sua scuola di cinema,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi