closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Lynch, Polonia mon amour

La mostra. Un rapporto di lunga data, una questione di affinità elettive quello del regista con il paese: una mostra a Torun, centro storico patrimonio dell'Unesco, ha esposto quattrocento sue opere

 fishermans-dream-with-steam-iron-2012

fishermans-dream-with-steam-iron-2012

Il rapporto di David Lynch con la Polonia è la storia di un amore magnetico e ricambiato nel corso del tempo. E come se il regista americano si fosse ritrovato in un triangolo della Bermude sulla terra ferma in quel paese che aveva visitato per la prima volta nel 2002 a Lodz su invito di Marek Zydowicz, fondatore del festival cinematografico Camerimage. Un triangolo di cui gli altri due vertici sulla mappa sono i centri di Bydgoszcz e Torun che si trovano nel cuore della Pomerania. Ma è dapprima nella città, conosciuta nel mondo per la sua scuola di cinema,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.