closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Lydie Marland e altri soggetti resistenti al buio

Giornalismo narrativo. Il sumo, le corse dei cani da slitta, Kate, la parabola della moglie del petroliere dell’Oklahoma... I personalissimi reportage «alla» Talese di Brian Phillips in Le civette impossibili, da Adelphi

Catherine D. DuBord  e Cindee Mayfield-Dobbs (Lydie giovane e vecchia) nella commedia Lydie Marland in the Afterlife diretta da Susan Sargeant, Wingspan Theatre Company, 2013

Catherine D. DuBord e Cindee Mayfield-Dobbs (Lydie giovane e vecchia) nella commedia Lydie Marland in the Afterlife diretta da Susan Sargeant, Wingspan Theatre Company, 2013

Volendo tracciare una storia del giornalismo narrativo, sarebbe senza dubbio da rievocare questa scena fondante: un ragazzo si aggira in un cimitero per animali domestici alla periferia di Atlantic City, cercando di sapere se il suo cane, fuggito di casa e dato per morto, sia stato portato lì. Del cane non troverà traccia, ma la visita gli ispirerà un articolo per il giornale cittadino in cui racconterà quel luogo sorprendente dove, insieme a centinaia di gatti, scimmie e pappagalli, riposano i cani di J.P. Morgan e di Irving Berlin o, ancora, l’ultimo dei borzoi allevati dai Romanov. Il ragazzo in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi