closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’urgenza di attendere

Siria. Kerry propone a Assad di restituire alla comunità internazionale lo stock di armi chimiche. La Russia è favorevole. Ban ki-Moon "la distruzione sotto controllo Onu". L'amletico Obama su 6 tv difende l'intervento. Il Senato, che vota domani, è incerto, l'opinione pubblica contraria, in Usa come in Francia

Il segretario di stato John Kerry, che ha concluso ieri il suo viaggio in Europa – dopo Vilnius, dove ha partecipato al Consiglio europeo informale dei ministri degli esteri, ha fatto tappa a Parigi e poi a Londra – ha proposto: “Assad potrebbe restituire l’integralità dell’arsenale chimico alla comunità internazionale” e cosi’ evitare l’attacco. La Russia ha ripreso la proposta. Ban ki-Moon, segretario generale dell’Onu, propone la distruzione delle armi chimiche siriane – pare mille tonnellate - sotto il controllo dell’Onu. Per il primo ministro britannico, David Cameron, sarebbe un “grande passo” se la Siria accettasse. Serguei Lavrov, ministro degli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi