closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’uomo che sa piangere. Storie di via Lomellina

Il cinema. Da La vita agra di Lizzani a L'udienza di Marco Ferreri. Fino a La bellezza del somaro di Sergio Castellitto

una scena tratta da L'udienza di Marco Ferreri

una scena tratta da L'udienza di Marco Ferreri

Ormai non si usa più, ma un tempo a Milano il nome Vincenzo stava anche per sempliciotto. Vincenzo Jannacci i sempliciotti li cantava e li trasformava in uomini, né grandi né piccoli, semplicemente uomini, come quello che racconta di avere visto giù in via Lomellina, una delle sue canzoni più struggenti (E io ho visto un uomo) con un uomo che piange per strada, svuotandosi di tutto il suo dolore. La gente si ferma e lo guarda ma rimane spiazzata perché quell’uomo soffre, piange, ma non chiede, nulla. Roba da fare venire il magone. E il nome Vincenzo è rispuntato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.