closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’universo sgargiante dell’infanzia russa

Mostre. La grande collezione Adler di libri sovietici per ragazzi esposta a Milano. Si ricostruisce quel «mondo autosufficiente di colori splendidi» che Benjamin scorgeva negli albi illustrati. Gli architetti tedeschi Hans Edward ed Hedwig Adler, durante la permanenza a Mosca, misero insieme una notevole raccolta, ora nei fondi della Biblioteca Nazionale Braidense

Copertina del libro «Ieri e oggi» di Samuil Maršak, 1925

Copertina del libro «Ieri e oggi» di Samuil Maršak, 1925

A Walter Benjamin - avido collezionista di libri per ragazzi - le edizioni sovietiche per l’infanzia non fecero grande impressione, almeno non al tempo del suo soggiorno datato inverno 1926-1927. Riferendo nel Diario moscovita della serata trascorsa da Maximilian Schick, il filosofo si lamenta del fatto che il padrone di casa, in segno di gratitudine per una serie di incombenze che gli aveva chiesto di svolgere in vece sua a Berlino, gli avesse appioppato «una montagna di libri per bambini senza valore né interesse, che non potei tutti rifiutare». Smaccatamente ispirate alla tradizione grafica tedesca, le loro illustrazioni difettavano di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi