closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’universo minimale di Yasmine Hamdan

Note sparse. Un piccolo gioiello questo album dove l'artista libanese remixa tracce dal suo album «Jamilat» con l'aiuto tra gli altri di Acid Araba, Shed, Cubenx

Yasmine Hamdan

Yasmine Hamdan

Piccole epifanie sonore del «cut ’n’ paste» sonoro. Si prende un disco che già ha di per sé sostanziosi motivi di fascino, lo si trasforma in qualcos'altro, senza perdere una stilla dell'eccellenza originaria. Lo ha fatto Yasmine Hamdan, che forse qualcuno ricorderà in una delle formazioni più innovative della world music in salsa libanese di un ventennio fa, i Soapkills. Da allora Yasmine, base parigina, via dalle pazze guerre, ha camminato sulle sue gambe: incontrando per il suo secondo disco, Al Jamìlat, notevoli collaboratori che hanno strutturato per lei un suono minimale e infiltrato di trip hop, gente come Steve...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.