closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

«L’Unità fondata da Gramsci uccisa dall’incuria di questi ultimi due anni»

Editoria. L'editore sospende le pubblicazioni. Martedì incontro decisivo alla Fnsi. I lavoratori dell'Unità impaginano il giornale solo per l'on line e scrivono l'ultimo editoriale

Questo è l’editoriale dell’Unità di sabato 3 giugno, firmato dall’assemblea delle redattrici e dei redattori, dopo la comunicazione da parte dell’azienda della decisione di sospendere le pubblicazioni.

Ci sono storie che non dovrebbero finire, per la storia che hanno raccontato e testimoniato, per quella che hanno cercato di capire, per chi ci ha creduto, per chi ci ha messo passione, professionalità e attaccamento.

Questa storia, la nostra, hanno deciso di chiuderla nel modo peggiore, calpestando diritti, calpestando lo stesso nome che porta questa testata, ciò che ha rappresentato e ciò che avrebbe potuto rappresentare.

L’editore ha comunicato, con una lettera spedita alle ore 22.49 del 1° giugno, che incontrerà la Federazione nazionale della stampa, Stampa Romana e il Cdr per illustrare la situazione economico-finanziaria del giornale e la «conseguente decisione di interrompere volontariamente la pubblicazione». «Riteniamo – aggiunge l’amministratore delegato Guido Stefanelli – che questa sia la scelta più giusta da fare in attesa di portare a compimento le procedure di ristrutturazione aziendale».

Una decisione grave, arrivata dopo giorni di assenza del giornale dalle edicole perché lo stampatore ha fermato le rotative per la mancata riscossione dei crediti maturati e per i quali da mesi chiedeva il relativo pagamento.

Se si è arrivati fino a questo punto non è stato per un improvviso fatto esterno, ma per una decisione più volte annunciata dallo stesso stampatore. Nel silenzio più totale da parte dell’amministratore delegato abbiamo tuttavia continuato a svolgere il nostro lavoro confezionando un giornale che nessuno ha potuto acquistare in edicola, destinato soltanto agli abbonati che per alcuni giorni neanche riuscivano a scaricarlo nella sua versione online. Nel silenzio più assoluto da parte di un’azienda che non ha neanche ritenuto di dover comunicare che non avrebbe pagato gli stipendi ai lavoratori e alle lavoratrici.

E che oggi dà notizia di una ristrutturazione annunciata da mesi ma mai avviata davvero. In questi mesi l’azienda, la stessa che in due anni non ha presentato un seppur minimo piano industriale, ha solo più volte minacciato licenziamenti collettivi, come se a pagare il conto della mancata gestione aziendale dovessero essere i lavoratori e le lavoratrici.

Tutto questo è avvenuto in un giornale che si chiama l’Unità, che ha fatto della difesa dei lavoratori il suo tratto distintivo, e di cui ancora oggi il Partito democratico è socio al 20% attraverso la fondazione Eyu.

Non siamo cioè di fronte a una società composta di soci privati tout court: siamo di fronte ad un’impresa editoriale che ha al suo interno un partito politico che ha fatto della difesa dei diritti il suo cavallo di battaglia. Un Pd che ha assistito a quanto sta avvenendo da mesi, compreso il ricatto al sindacato di non pagare gli stipendi fino a quando lo stesso cdr non avesse convinto ex dipendenti a rinunciare ai loro diritti sanciti dal giudice del lavoro, senza prendere una forte posizione pubblica.

Ci sono storie ed imprese editoriali che possono iniziare con la migliore delle intenzioni e poi, malgrado ogni sforzo, scontrarsi con una competizione su un mercato difficile e in forte crisi, e dunque prendere atto di non avercela fatta ma garantendo sempre, fino all’ultimo momento, il rispetto dei diritti dei propri dipendenti, delle relazioni sindacali, della professionalità di tutti.

Questa storia, la nostra, invece, è stata scritta in un altro modo.

Nessun progetto, nessun piano industriale, relazioni sindacali calpestate, dignità professionali umiliate, tanto da arrivare nell’incredibile situazione di dover confezionare un quotidiano che non va in edicola. Anche in questa giornata siamo qui, al lavoro, per un giornale diverso da tutti quelli finora scritti: il più doloroso, il più triste.

Perché l’Unità finisce oggi, con questo numero, visto che la redazione sarà in sciopero fino al giorno dell’incontro in Fnsi con l’editore. Fino a quando non ci diranno cosa intendono fare del futuro di questo giornale, con quali risorse, con quale progetto industriale ed editoriale e in quali tempi.

Non ci fidiamo più, troppe promesse disattese, troppi strappi a qualunque civile e normale dialettica tra azienda, sindacato e lavoratori. Quello che chiediamo con forza a tutti i soggetti in campo è di avere almeno il rispetto che meritano i lavoratori e le lavoratrici di questo giornale. Il rispetto per l’Unità, fondata da Antonio Gramsci e uccisa giorno dopo giorno dall’incuria di questi ultimi due anni.

In questa storia sono in diversi a dover rispondere di quanto accaduto. Gli editori di maggioranza, la Piesse di Massimo Pessina e Guido Stefanelli, Eyu, che fa capo al Partito Democratico, e lo stesso segretario del Pd Matteo Renzi a cui più volte ci siamo rivolti senza mai ottenere una risposta o una parola di solidarietà nei momenti più duri della lotta quando per otto giorni di seguito la redazione è scesa in sciopero ad oltranza.

Un silenzio che ha ferito tutti coloro che in questo giornale hanno lavorato accettando condizioni spesso al limite dell’accettabile. Ci chiediamo se anche di fronte a questa decisione dell’editore proseguirà la scelta del silenzio.

Ai nostri lettori diciamo che noi ce l’abbiamo messa tutta. Fino all’ultimo momento. Malgrado tutto, malgrado le scelte e le inerzie dei colpevoli. Anche noi odiamo gli indifferenti, e in questa storia siamo gli unici a non esserlo stati.

Le storie possono essere scritte in tanti modi. Per noi hanno scelto il peggiore.

UNITA03-06-2017_PAG01

  • anniegoon

    L’Unità è morta, di fatto, quando fu fondato il PD. Da allora sono stati 10 anni di agonia per una testata di cui la recente stagione filo-renziana (con Staino propagandista renziano, prima dello scorno personale) ha suggellato la ridondanza, ovvero l’inutilità. L’Unità era un organo di contro-propaganda politica: il suo partito di riferimento, e il suo popolo di lettori, non ci sono più. Fine.

  • Francesco Riolo

    Diritti dei lavoratori? Non mi ricordo nessuna campagna contro il Jobs Act!

  • Alessandro Valboni

    Mal voluto non è mai troppo! Caro Sergio Staino!
    Fidatevi, fidatevi delle continue svolte a destra! Onorate il Segretario, chiunque sia, qualunque cosa dica e qualunque classe sociale serva ( classe sociale con potentati e lobbies varie)!
    Ma che vi aspettavate? E i lettori, ma cosa si dovevano aspettare da un direttore che negli anni 70 faceva le scuole quadro dei marxisti leninisti a casa sua e di recente invitava a votare si al referendum degl’imbroglioni! Quando ci hai preso per il cxxo, Staino? Negli anni 70 o adesso? Comunque, bye bye unità. C’è ne faremo una ragione.

  • anniegoon

    Esatto. Il punto è proprio questo: l’Unità era diventata inutile.

  • Ante Fascio

    Mi dispiace sinceramente che la stampa italiana di sinistra perda una testata storica come l’Unità, ma sono ben lontani i tempi in cui si era indecisi davanti l’edicolante se comprare il Manifesto o l’Unità, e alla fine si finiva sempre col comprarli entrambi. Lontani, troppo lontani. Tanto lontani che si può dire che i redattori dell’unità siano gli ultimi ad avere il diritto di scrivere un editoriale del genere, dopo mesi di imbarazzante e vergognoso giornalismo volto a cercare a tutti i costi la benevolenza del Leader Matteo.

    Ciaone Unità. Ti volevamo bene, anche se non servivi più a niente. Né a Matteo né alla sinistra.