closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Unione africana vuole continuare la guerra contro gli Al-Shabaab in Somalia

La proposta. Allargare all'Onu e alle truppe di altri paesi «interessati» la forza Amisom. A Mogadiscio intanto prosegue il caos istituzionale: elezioni rinviate per lo scontro feroce tra Farmajo e Roble in atto ai vertici dello stato. E nelle strade si susseguono le stragi jihadiste: 100 morti negli ultimi due mesi

Mogadiscio, dopo l'attacco kamikaze dello scorso 25-settembre-

Mogadiscio, dopo l'attacco kamikaze dello scorso 25-settembre-

L'Unione africana (Ua) ha proposto di «prolungare e allargare le sue operazioni militari contro la milizia islamista degli Al-Shabaab», e in particolare «di consentire la partecipazione di più paesi». L'annuncio arriva a pochi mesi dalla scadenza, il 31 dicembre, del mandato della forza dell’Ua denominata Amisom, che vede impegnati oltre 20mila militari di vari paesi africani. In una dichiarazione del 7 ottobre, il Consiglio per la pace e la sicurezza dell'Ua ha affermato di voler trasformare l'Amisom in una missione congiunta con l'Onu, cosa che consentirà ad «altri membri volontari e interessati dell'Unione africana di unirsi alle operazioni in corso»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.