closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

LUNEDÌ ROSSO

Il lunedì con il manifesto.

La rubrica per chi si muove in controtempo

Le 10 storie più interessanti della settimana appena trascorsa, scelte dalla redazione.

Questa settimana torniamo in Libia con il secondo appuntamento dell’inchiesta sui migranti e respingimenti.

Passando per la protesta degli intermittenti dello spettacolo.

Attraversando la visione di “Disclosure” documentario di Sam Feder dedicato alle rappresentazioni di persone trans nel cinema e nella televisione Usa.

Questo e molto altro tra le storie del lunedì rosso.

Gli articoli scelti per voi

«Non dateci uno Stato fallito, noi palestinesi vogliamo l’uguaglianza»

Chiara Cruciati

Terra compromessa. intervista a Riya al-Sanah, del movimento femminista Tal’at: «I palestinesi, ovunque si trovino, sono vittime dello stesso progetto coloniale e di espropriazione. La liberazione non può essere slegata da quella delle sue donne. Solo così potremo avere una Palestina che non sia solo democratica ma anche giusta»

I nuovi mondi delle pioniere della musica elettronica

Silvia Nugara

Forse non esiste una parola per indicare la «visionarietà» di chi crea mondi nuovi con i suoni ma servirebbe per le pioniere della musica elettronica a cui è dedicato Sisters with Transistors, documentario di Lisa Rovner presentato in anteprima allo Sheffield Doc.

«Diritto al reddito e tutele per il lavoro degli intermittenti dello spettacolo»

Roberto Ciccarelli

Facchini, tecnici, operai, sarte, attori e registi, cantanti e musicisti a Roma chiedono riforme e un nuovo sistema per lo spettacolo, le arti e la cultura. Obiettivi della «mobilitazione permanente»: un ruolo sul lavoro, alleanze nella società. Il movimento rivendica anche contratti nazionali e una riforma previdenziale. “Il reddito va sganciato dal lavoro”.

I nostri disumani segreti di stato sui respingimenti collettivi in Libia

Sarita Fratini

Quanto ha interessato l’Italia il respingimento in Libia di 101 persone operato il 30 luglio 2018 dalla nave italiana Asso Ventotto, uno dei cargo che lavora per la piattaforma della Mellitah Oil & Gas (società partecipata al 50% da Eni)? Circa 48 ore, il tempo di qualche articolo di giornale e di un esposto alla Procura di Napoli (sede della compagnia armatrice della nave)

Droghe, i «trend» del mercato nella pandemia

Susanna Ronconi

Consumi. A fronte di un mercato illegale che si è dimostrato flessibile e non è mai venuto meno, i consumatori hanno mantenuto il proprio pattern di uso, anche quando accedere alla sostanza di elezione si faceva più difficile

L’immagine trans e la storia collettiva

Silvia Nugara

Gender. «Disclosure» sugli scambi di genere fa parlare chi è coinvolto, ma una narrazione è da inventare. Identità, sessualità, il rapporto tra natura e cultura al cinema e in tv, un percorso per demolire stereotipi e ridicolizzazioni

Il ritorno dei tuanpai nell’orizzonte di Xi

Simone Pieranni

Cina. Il premier Li Keqiang, esponente della Lega della gioventù comunista, offre una narrazione dell’attuale situazione economica cinese in contrasto con l’ottimismo del presidente. A ricordare le aspirazioni sociali della sua fazione politica interna al Pcc

Protesta dei matematici Usa contro la polizia

Luca Tancredi Barone

Stati uniti. In 1.400 firmano una lettera aperta per invitare i colleghi a smetterla di collaborare ai software basati sugli algoritmi predittivi, che finiscono per penalizzare i neri

Roberto Cavalli chiude la fabbrica di Sesto Fiorentino, in cento sono costrette a licenziarsi

Riccardo Chiari

Il ricatto è di moda. Fallito anche l’ultimo tentativo di salvare la storica sede di Sesto Fiorentino della casa di moda. Solo in 54 accettano il trasferimento coatto a Milano, le altre lavoratrici obbligate ad autolicenziarsi.

Immolarsi non fa più notizia in Tunisia

Giuliana Sgrena

Disoccupazione e pandemia, proteste e gesti estremi: nel sud del Paese torna la rivolta sociale. Ma la Rivoluzione dei gelsomini è lontana. E lo scontro politico per il potere in corso a Tunisi non aiuta