closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

LUNEDÌ ROSSO

Il lunedì con il manifesto.

La rubrica per chi si muove in controtempo

10 storie interessanti della settimana appena trascorsa, scelte dalla redazione.

Questa settimana la fine della moratoria sugli affitti negli Usa rischia di lasciare milioni di persone senza casa.

Viaggio nel mondo della gastronomia che mette in luce le difficoltà delle donne a emergere in un settore maschile e spesso maschilista.

A Bologna nasce una rete di delivery solidale.

Questo e molto altro tra le storie del lunedì rosso.

Gli articoli scelti per voi

Recovery Fund, la ricerca europea resta senza soldi

Luca Tancredi Barone

L’organismo centrale della ricerca europea, lo European Research Council (Erc), è in crisi profonda. Da quando, ad aprile, il nanotecnologo italo-americano Mauro Ferrari era stato allontanato burrascosamente dalla direzione di questo organismo dopo soli tre mesi, questo punto di riferimento per le ricercatrici e i ricercatori europei non ha avuto nessuno che, in nome del suo Consiglio scientifico, perorasse la causa della scienza alla Commissione europea

Perdi il lavoro, perdi la casa: 12 milioni rischiano lo sfratto

Marina Catucci

Stati uniti. Conclusa ieri la moratoria Usa sugli affitti in vigore da marzo. I democratici presentano un piano per estenderla fino al 2021. In scadenza anche il sussidio di disoccupazione, 25 milioni di persone senza aiuti: la Casa bianca pensa a 1.200 dollari una tantum

Al bando gli aquiloni: il regime egiziano vieta l’ultimo sogno di libertà

Chiara Cruciati

Egitto. Il gioco più amato nei quartieri poveri è diventato «minaccia alla sicurezza nazionale»: centinaia di arresti e multe a chi lo vende e lo fa volare. In questi mesi hanno riempito cieli e città, svago contro l’apatia del lockdown

Le stelle oscurate della cucina

Anna Maria Merlo

Arte culinaria. Il campo della gastronomia è ancora dominato dagli uomini. I primi capo-cuochi francesi portano la tradizione militare ai fornelli e per le cheffes comincia una storia di sfruttamento e ostilità. Delle cinque tristellate in tutto il mondo, due sono Italia

Il virus non è più debole: lo ammettono anche i virologi «ottimisti»

Andrea Capocci

«Il virus è clinicamente morto», disse il primario del S. Raffaele di Milano Alberto Zangrillo. Quella frase di fine maggio aprì la «fase due» degli esperti, da allora divisi tra una maggioranza di «prudenti» e un’avanguardia di «ottimisti» impegnati a contrastare le linee-guida del governo.

Erdogan, il Sultano atlantico e i misteri di Santa Sofia

Alberto Negri

Turchia. L’Akp è sempre meno una«democrazia cristiana» musulmana: punta ormai, insieme all’estrema destra, sul bellicismo in politica estera e sull’identità islamo-turca all’interno. Una «visione» del potere passata dalla confraternita dei Naksibendi – una vera scuola socio-politica – al filo-jihadismo destabilizzante con tanto di sostegno occidentale

In cerca di lavoro, fuori città

Cinzia Scaffidi

Il progresso tecnologico renderà superflua molta manodopera industriale e non solo, ma ripensare l’economia significa anche immaginare quanta e quale occupazione potrà generarsi nei settori in cui l’urgenza di sostenibilità porterà invece una domanda di forza lavoro.

Don Winslow, fenomenologia della perdita in un Paese sull’orlo del baratro

Guido Caldiron

L’intervista. Parla lo scrittore statunitense che pubblica la raccolta di racconti «Broken» per HarperCollins. Storie pensate come omaggio a Chandler, Leonard e McQueen, ma che raccontano l’America di Trump. «Se mi guardo intorno, mi sembra che un po’ tutti siano costretti a rinunciare a qualcosa che gli è caro. Sono tempi duri e brutali. Spesso guardo il tramonto con un senso di tristezza»

Un altro food delivery è possibile: a Bologna nasce «Consegne etiche»

Giovanni Stinco

Gig Economy. A settembre il debutto, l’organizzazione dell’impresa su base cooperativa. «Consegne etiche vuole tessere relazioni tra i cittadini, lottare contro l’isolamento, più in generale lavorare per la cura della comunità» sostiene il presidente della Fondazione Innovazione Urbana Raffaele Laudani

L’anomalia dell’algoritmo

Luca Forestieri

Usa/Cina. Il riconoscimento facciale ha bisogno di dati. Ma se i volti per addestrarlo sono per lo più bianchi, quelli neri costituiscono un’anomalia che rischia di creare nuove forme di razzismo