closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

LUNEDÌ ROSSO

Il lunedì con il manifesto. La rubrica per chi si muove in controtempo.

10 storie in evidenza della settimana appena trascorsa, scelte dalla redazione.

L’intervista all’attivista delle Pussy Riot Nadja Tolokonnikova.

La nuova campagna elettorale di Virginia Raggi a Roma inizia dallo sgombero dei rom.

Il commento. La violenza della polizia è un dispositivo di mantenimento dell’ordine, insito nella funzione di questo corpo.

Questo e molto altro tra le storie del lunedì rosso.

Gli articoli scelti per voi

Nadja Tolokonnikova, Pussy Riot è sovvertire

Luca Celada

All’età di 22 anni, madre di una bambina piccola, Nadezhda Tolokonnikova, detta Nadja ha passato quasi due anni ai lavori forzati nel gulag di Putin dopo essere stata condannata in seguito alla performance Preghiera Punk nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca. Uno degli happening di protesta delle Pussy Riot, le cui componenti hanno anteposto antagonisticamente i propri esili corpi al feroce regime putiniano

I Verdi, in Italia ci sono già. E hanno le porte aperte

Silvia Zamboni*, Paolo Galletti**

Politica . I media italiani guardano con interesse ai successi elettorali delle formazioni ambientaliste in Europa, ma si perde spesso di vista l’esistenza dei Verdi in Italia, e la necessità di rafforzare questo fronte

La Rai e Gerusalemme, stavolta i palestinesi hanno vinto

Tommaso Di Francesco, Vincenzo Vita

Dopo il caso de L’Eredità, con una sentenza senza precedenti, una corte italiana interviene su Gerusalemme: non è la capitale di Israele. Qual è il sugo della storia? La lotta paga. Insistere, insistere, insistere. La vicenda Tel Aviv-Gerusalemme non riguarda solo un quiz o un esame di geografia. È un simbolo di una tragedia attualissima e collettiva, delle colpevoli ambiguità del consesso internazionale, che si piega docilmente ai diktat di un governo di destra-destra

Un mondo di foreste che bruciano

Marinella Correggia

Il Bulletin of Atomic Scientists riportava nei primi giorni del 2020 le parole pronunciate dal sindaco dell’Isola dei Canguri, paradiso della fauna selvatica australiana decimata dal fuoco: «La costa nord sembra colpita da una bomba atomica»

Il Welfare più ingiusto: paletti per poveri e lavoratori, regali alle imprese

Roberto Ciccarelli

Il problema non sono tanto i tre o cinque parlamentari che hanno preso il bonus dei 600 euro, ma la legge e il governo che lo hanno permesso. Com’è nato il Welfare dell’emergenza nella crisi pandemica senza una visione del futuro. Dal «reddito di emergenza» alla cassa integrazione usata dalle aziende che non hanno perso il fatturato fino al taglio dell’Irap anche per quelle che hanno continuano a fare profitti.

Franca Valeri, corpo e maschera

Gianfranco Capitta

Franca Valeri se ne è andata, domenica, nella sua casa romana, giusto una decina di giorni dopo aver festeggiato il suo centesimo compleanno. E sarebbe bello se davvero fosse riuscita a vedere e gradire il tributo che l’intera Italia ha reso alla sua arte. Una storia artistica complessa e multiforme, che ogni volta che si parla di lei rende difficile da dove iniziare

Lo sgombero dei rom apre la corsa della sindaca per il Campidoglio

Giansandro Merli

Roma. La comunità: «Campi da chiudere ma servono soluzioni alternative, non si possono buttare le persone per strada». Raggi esulta e annuncia nuove azioni di forza. Per le associazioni sgombero illegale

Tokyo guiderà la più grande esercitazione di cyber-difesa

Matteo Miavaldi

In autunno il Giappone guiderà un’esercitazione di difesa digitale congiunta che coinvolgerà Stati Uniti, Regno Unito, Francia e almeno dieci Paesi dell’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (Asean).

La violenza di polizia come dispositivo dell’ordine politico

Donatella Di Cesare

La violenza perpetrata da un poliziotto a Vicenza fa venire in mente una serie di episodi analoghi. E suscita sdegno proprio perché appare non un semplice incidente, bensì un gesto rivelativo. Si parla di «eccessi di forza», di piccoli «abusi».

Dinamico e senza scrupoli, la scalata del principe alla leadership regionale

Michele Giorgio

Israele-Emirati. Il vero vincitore della normalizzazione dei rapporti tra Tel Aviv e Abu Dhabi è Mohammed bin Zayed. Per superare i cugini sauditi ed entrare nelle grazie Usa ha scelto la via più facile, la pace con lo Stato ebraico