closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

L’ultimo mese di fuoco brucia come un anno intero

Il Belpaese. Legambiente: in cenere da metà giugno il 93,8% della superficie andata in fumo nel 2016. Causa principale, i ritardi gestionali. Sono 26mila gli ettari di boschi andati in fumo dal metà giugno. 17 gli incendi dolosi sulle pendici del Vesuvio dal 2 all’11 luglio. Da mercoledì notte l’esercito ha bloccato le vie di accesso

Da metà giugno sono andati in fumo in Italia 26.024 ettari di boschi, il 93,8% del totale della superficie bruciata in tutto il 2016. Le regioni più colpite sono la Sicilia con 13.052 ettari distrutti dal fuoco, la Calabria (5.826 ettari), la Campania (2.461 ettari), il Lazio (1.635 ettari), la Puglia (1.541 ettari), seguono Sardegna, Abruzzo, Marche e Toscana. Sono i dati, aggiornati a mercoledì scorso, elaborati da Legambiente per il Dossier Incendi. AL PRIMO PUNTO DEL REPORT ci sono i ritardi gestionali a livello regionale e nazionale. L’associazione punta il dito in particole sulle regioni: Campania e Lazio non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.