closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’ultimo golpe che fa esplodere i Repubblicani

Donald, il sovversivo . La telefonata resa pubblica dal Washington Post con cui chiedeva al segretario di stato della Georgia Brad Raffensperger, di «trovargli» i suffragi necessari per rovesciare il risultato del voto popolare è solo l’ultimo anello di una catena di abusi e illegalità

Crollano i templi, scompaiono gli imperi, sprofondano nel mare le antiche civiltà e anche per creature assai fragili come i partiti politici viene il momento del giudizio finale. Tutte le cose umane finiscono e per il partito Repubblicano, il Grand Old Party nato nel 1854, l’estrema unzione potrebbe essere somministrata già domani, 6 gennaio 2021, benché la malattia che lo divora dall’interno venga da molto lontano. Il pessimismo dei medici in un certo senso appare prematuro: il partito controlla ancora la presidenza, almeno fino al 20 gennaio quando scadrà il mandato di Trump, e il Senato, dove ha 50 senatori...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi