closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Lucio Magri, sulle tracce di un comunista anomalo

Scaffale. Il libro di Simone Oggionni, con prefazione di Luciana Castellina e post-prefazione di Famiano Crucianelli per le Edizioni Efesto. Per Magri, scomparso nel novembre del 2011, l’innovazione teorica e politica non voleva dire ricominciare da zero dopo l’89

Lucio Magri, foto di Andrea Cerase

Lucio Magri, foto di Andrea Cerase

Dieci anni sono il tempo giusto per rielaborare un lutto e iniziare a occuparsi di chi non c’è più. Raccontare Lucio Magri (1932-2011) è l’obiettivo del libro di Simone Oggionni appena arrivato in libreria e sui siti (Lucio Magri, Edizioni Efesto, pp. 358, euro 15, 00). È un bene che l’autore di questo primo lavoro di ricostruzione biografica sia un trentenne: ha conosciuto Magri negli ultimi anni e ha scritto sulla base della rilettura di molteplici testi e saggi, oltre che di relazioni a convegni. Ciò vuol dire che un accumulo di esperienze ed elaborazioni non è andato perduto. Efficace,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi