closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Lucio Fulci, buio e terrore in sala

Intervista. Antonella Fulci, preziosa collaboratrice del padre, regista di culto, venerato «terrorista dei generi» e «poeta» di immaginari cinematografici ferali

Da «Lo squartatore di New York» di Lucio Fulci, 1982

Da «Lo squartatore di New York» di Lucio Fulci, 1982

Chiedimi tutto quello vuoi, se poi mi fai qualche domanda troppo «scomoda» passiamo alla prossima senza problemi», dice con tono scherzoso la primogenita di Lucio Fulci, venerato «terrorista dei generi» e «poeta» di immaginari cinematografici ferali, scomparso il 13 marzo 1996. Fin da adolescente, Antonella ha alternato i panni di assistente («già a 16 anni lavoravo sul set di La pretora») a quelli di confidente del padre (preziosi i suoi racconti e quelli della sorella Camilla - deceduta l’anno scorso - in Fulci for Fake di Simone Scafidi). E sì, è stata anche fonte di ispirazione: «Il simbolo legato a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.