closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Lucciole in brodo di giuggiole

EverTeen. «Tre per un topo», l'album di poesie e disegni scherzosi di Toti Scialoja per le nipoti Barbara e Alice, quando erano bambine. Loro lo hanno conservato per quattro decenni e ora lo pubblica Quodilibet

Non è vero che il nonsense sia un gioco destinato esclusivamente ai bambini. I dadaisti e i surrealisti, così come molti poeti del Novecento, hanno fatto a pezzetti lo stereotipo vigente e piegato il linguaggio a un uso divertito e divertente: era un modo come un altro per introdursi nei buchi improvvisati nel reticolo della logica, per reagire alla noia dettata dall’ordine. Così, il nonsense ha rappresentato l’elogio del caos rigoglioso contro il controllo poliziesco della grammatica. Sappiamo però che quell’infrazione della sfera razionale, con l’assonanza, l’onomatopea, la parola reinventata, sezionata, prestata a significati strani, è da sempre l’accesso proibito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.