closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La crociata di Alfano

Omofobia. Il ministro degli Interni scrive ai prefetti di tutta Italia affinché si adoperino per impedire ai sindaci di registrare l'atto di matrimonio delle coppie gay che si sono sposate all'estero. I sindaci di mezza Italia si rivoltano e sono pronti a disubbidire. Virginio Merola, sindaco di Bologna: "E una circolare stupida e ridicola, non posso accettare che lo stato nazionalizzi in senso discriminatorio e anti europeo i diritti civili. Anche il Pd contro il ministro

Con la consueta perentorietà fantozziana, Alfano ha battuto i pugni sul tavolo. E se qualcuno si era convinto del contrario, ecco la conferma: il ministro degli Interni del governo Renzi esiste, eccome. Forse perché è fissato, o forse perché il Comune di Milano l’altra sera ha approvato la richiesta di trascrizione dei matrimoni contratti all’estero tra persone dello stesso sesso, ieri il pilastro delle striminzite intese ha preso carta e penna. Col risultato che i prefetti della penisola sono sobbalzati sulla sedia e che i sindaci di mezza Italia sono sul piede di guerra. Ponti a disubbidire. Ma l’ordine è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.