closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’oscurità della vita nella luce dell’arte

In mostra. A Berlino «David Wojnarowicz. Photography & Film», le opere dell’artista che denunciò il silenzio sull’Aids

«A Fire in My Belly» (1986-87)

«A Fire in My Belly» (1986-87)

È aperta fino al 5 maggio a Berlino, presso il KW Institute for Contemporary Art (www.kw-berlin.de), la mostra David Wojnarowicz. Photography & Film 1978-1992, curata da Krist Gruijthuijsen. All’artista statunitense, morto di Aids nel 1992, il Whitney Museum di New York ha recentemente dedicato una grande personale chiusasi in settembre; ma l’esposizione nella capitale tedesca, inaugurata in coincidenza con l’apertura dell’ultima Berlinale, si concentra sull’attività fotografica e filmica di uno dei maggiori rappresentanti della scena sviluppatasi nel Lower East Side negli anni ’80, noto per la forza con cui seppe utilizzare diversi linguaggi denunciando l’epidemia di Aids da una prospettiva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.