closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’opposizione di destra e la flebile voce della sinistra

Il consenso di Conte. Il risultato di questi dispositivi retorici è quello di avere in Italia una destra sempre più forte e radicale e un centro-sinistra sempre meno definibile e capace di espandere il proprio consenso.

Giuseppe Conte al Senato per il voto di fiducia

Giuseppe Conte al Senato per il voto di fiducia

«Osservazioni sparse su quel carattere del popolo italiano che si può chiamare apoliticismo. Questo carattere è delle masse popolari. Negli strati dominanti vi corrisponde un modo di pensare che si può dire “corporativo”. Una varietà di questo apoliticismo popolare è il “pressappoco” della fisionomia dei partiti, il pressappoco dei programmi e delle ideologie». Così definiva Gramsci il rapporto tra l’alto e il basso della politica in Italia, tra popolo e partiti. Risiede qui il segreto di Conte, del suo consenso, della crisi di governo e del modo in cui è stata momentaneamente arginata? Da un lato, il consenso «apoliticista» del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi