closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’oppio anche sui terreni statali. Ma la Nato aveva altri obiettivi

Afghanistan. Vent'anni fa gli ettari coltivati erano 8mila, oggi sono 224mila

Papaveri da oppio nella provincia afghana di Kandahar

Papaveri da oppio nella provincia afghana di Kandahar

Nel 2001, quando è iniziata l’invasione a guida statunitense dell’Afghanistan, secondo l’Ufficio contro la droga e il crimine delle Nazioni unite (Unodc), in quel remoto Paese dell’Asia centrale c’erano appena 8.000 ettari coltivati ad oppio. Numeri del tutto irrisori, nel paniere narcotico mondiale, rispetto ai 224.000 attuali (stima del 2020, ancora dell’Unodc). Sempre secondo i calcoli dell’Onu questa quantità di terreno avrebbe consentito una raccolta di 6.300 tonnellate di quel lattice bruno e amaro da cui si ricava l’eroina. Arrivando a garantire da solo (dato 2007), ben il 130% del fabbisogno mondiale: un terzo in più di quella che si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.