closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’opera è un’agente della trasformazione

Arte pubblica. Una riflessione su fondazioni e «musei» che sono concepiti come laboratori di relazioni. La dimensione partecipata punta su un approccio creativo agli spazi periferici e sull’abitante-committente e entra in rapporto con la storia delle comunità locali

Installazione di Yona Friedman per la Fondazione No Man's Land, in Abruzzo

Installazione di Yona Friedman per la Fondazione No Man's Land, in Abruzzo

«Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d’ogni specie», tuonava in tutta la sua enfasi Marinetti agli inizi del ’900. Scagliandosi contro ogni forma di relazione con la tradizione e il passato, l’artista promuove la prima trasformazione moderna di un concetto di arte che vuole lo spettatore al centro del quadro, fuori dalla cornice contemplativa. Da quel momento niente sarà più come prima: la crisi del modello museale tradizionale si preannuncia abbattendone lo stereotipo tradizionale e bloccato di vetrina accademica dove l’opera risulta secondo la visione dell’avanguardia, neutralizzata nella sua peculiarità di agente trasformativo, sottratto come sottolinea la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.