closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Onu: «Crimini di guerra in Libia contro civili e migranti»

Fosse comuni, detenuti torturati e bambini soldato. I risultati choc di una missione dell’Ohchr

Cadaveri di civili sepolti in fosse comuni, detenuti torturati, bambini arruolati come soldati e sparizioni forzate. E in più l’ormai nota, ma non per questo meno drammatica, serie di orrori e violenze compiute contro migranti e rifugiati. Tutto ciò accade a poche miglia dall’Italia, sull’altra sponda del Mediterraneo e in quella Libia con cui i governi occidentali per convenienza fingono ancora di avere un interlocutore affidabile con cui dialogare. L’ultima istantanea dell’inferno libico l’ha scattata il Consiglio per i diritti umani dell’Onu (Ohchr) che due giorni fa ha presentato i risultati di una missione di inchiesta indipendente denunciando come tutte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.