closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Onu conta 284 civili uccisi: «La Libia non è un porto sicuro»

Nord Africa. Aumento del 25% dal 2018. Nel mirino delle fazioni ci sono cliniche, giornalisti, migranti. Oltre il 60% uccisi dai droni arrivati da paesi stranieri in violazione dell'embargo delle Nazioni unite

Richiedenti asilo in un porto libico

Richiedenti asilo in un porto libico

Ieri mattina, a est di Tripoli, sul quartiere di Tajoura sono rimbombati colpi di mortaio. È la guerra che prosegue tra Tripoli e Bengasi e lo fa nel luogo che il 2 luglio scorso fu teatro di una strage di migranti africani, intrappolati in uno dei centri di detenzione libici. La scorsa estate il bombardamento notturno delle forze del generale cirenaico Haftar che aveva distrutto il capannone e ucciso almeno 53 persone (135 i feriti, 300 i sopravvissuti) aveva ricordato cos’è la Libia per i richiedenti asilo. Ora lo ribadisce anche l’Onu: non è un paese sicuro. «Siamo preoccupati per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.