closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Lombardia, il mistero dei 51 ragazzi vaccinati

Salvini molla Gallera . La regione fanalino di coda nella somministrazione, ma prima per giovani cui è stato già iniettato il siero Pfizer. Il leader della Lega pensa al rimpasto: «Saprete a cose fatte»

Giulio Gallera

Giulio Gallera

In una delle regioni fanalino di coda per numero di vaccini anti-covid somministrati, la Lombardia, (6.116, il 7,6% della popolazione, stando ai numeri aggiornati a ieri sera) c’è un dato che non torna: 51 dosi del farmaco Pfizer-BioNtech inoculate a pazienti nella fascia d’età tra i 16 e i 19 anni definita convenzionalmente «non a rischio». Un primato che svetta nelle tabelle ufficiali del ministero della Salute, specie se confrontato con quello di altre regioni: il Lazio, per esempio, con oltre 22 mila vaccinati di cui 35 tra i 16 e i 19 anni. Ma è impossibile avere informazioni più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi