closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’omaggio del papa al mosaico iracheno: «Risorsa preziosa»

Il viaggio in Iraq. Primo giorno di Bergoglio a Baghdad tra decolonizzazione reale e disarmo: «Il mondo aiuti l’Iraq senza imporre i propri interessi». Ieri l’incontro con i vertici politici e il patriarca caldeo Sako. Oggi vedrà al-Sistani a Najaf, poi andrà nella Piana di Ur

Papa Francesco all’arrivo all’aeroporto di Baghdad, accolto dal primo ministro iracheno al-Kadhimi

Papa Francesco all’arrivo all’aeroporto di Baghdad, accolto dal primo ministro iracheno al-Kadhimi

Cristiani e musulmani costruiscano insieme la «fratellanza umana». Le religioni non siano utilizzate per legittimare violenze e conflitti. La prima giornata del viaggio in Iraq di papa Francesco si può riassumere in questi due appelli, ripetuti dal pontefice, ma anche dal presidente della repubblica Barham Salih e dal cardinal Louis Sako, presidente dei vescovi cattolici dell’Iraq e patriarca di Babilonia dei caldei. ATTERRATO IERI alle 14 (le 12 in Italia) a Baghdad, dove è stato accolto dal primo ministro iracheno Mustafa Al-Kadhimi, papa Francesco si è subito recato al palazzo presidenziale per incontrare Salih, i componenti del governo, gli ambasciatori...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.