closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’odissea di Viviane e un divorzio impossibile

Al cinema. Applaudita a Cannes arriva nelle sale Viviane l’opera dei fratelli Shlomi e Ronit Elkabetz che gioca tra dramma e ironia con i codici della comunità ebraica

Fra le migliori opere passate alla Quinzaine a Cannes, l’israeliano Viviane racconta la storia di una donna che si presenta davanti a un tribunale per reclamare il divorzio. I giudici le domandano il motivo e lei risponde che da tre anni è separata dal marito, che non ama più e con il quale non ha più intenzione di convivere. Il tribunale si rivolge allora al marito che si oppone. I giudici nulla possono: la donna deve tornare con il marito. Comincia così l’odissea di Viviane alla ricerca della propria libertà. O meglio dovremmo dire ricomincia, visto che la bravissima Ronit...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.