closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’odissea del peschereccio spagnolo: rotta su Alicante

Alla deriva. Il comandante Pascual Durà che ha a bordo 12 migranti naufraghi si rifiuta di riportarli in Libia: non è sicuro per loro e per il mio equipaggio. Il premier Sánchez mostra il volto duro e rompe con le ong: deve obbedire alla legge

Un'immagine dal peschereccio Nuestra Madre Loreto

Un'immagine dal peschereccio Nuestra Madre Loreto

Il peschereccio Nuestra Madre Loreto naviga verso Santa Pola (Alicante), vicino Valencia, paese da cui provengono i pescatori dell’equipaggio che ha salvato dieci giorni fa 12 migranti naufraghi abbandonati dalla Libia in mezzo al mare. Il capitano dell’imbarcazione, Pascual Durà, si rifiuta di riportarli nelle mani dei loro aguzzini e ha disobbedito al governo spagnolo. Uno dei migranti era già stato evacuato d’emergenza in elicottero venerdì, disidratato e in preda a convulsioni. È finita definitivamente la luna di miele fra il governo socialista e le ong che cercano di aiutare i migranti naufraghi nel mediterraneo. La gestione del caso del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi