closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’odissea dei rifugiati nell’inferno di Ushiku

Maboroshi. Lo scorso sei marzo moriva in uno dei centri di detenzione dell’ufficio immigrazione di Nagoya, nel Giappone centrale, dopo più di tre mesi di permanenza, Ratnayake Liyanage Wishma

Lo scorso sei marzo moriva in uno dei centri di detenzione dell’ufficio immigrazione di Nagoya, nel Giappone centrale, dopo più di tre mesi di permanenza, Ratnayake Liyanage Wishma, ragazza originaria dello Sri Lanka e detenuta per esser rimasta in Giappone una volta che il suo visto era scaduto. La tragedia finita su molti giornali nazionali ed internazionali ha portato alla luce la sconcertante situazione di coloro che entrano in Giappone e che, per vari motivi, hanno problemi con la burocrazia dell’immigrazione del paese. Le condizioni inumane a cui è sottoposto molto spesso chi arriva nell’arcipelago, specialmente come rifugiato e richiedente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi